chevron_right Chi siamo chevron_right Cosa Facciamo chevron_right Dove siamo chevron_right Contatti chevron_right Donazioni
collections GALLERY 59
info_outline INFO
location_on [sede legale] Via de’ Mazzamuti, 7 - 59100 Prato
location_on [sede operativa] Ospedale Santo Stefano, Primo piano - Presso accoglienza I.T.T. in Via Suor Niccolina Infermiera, 20 - 59100 Prato
phone 0574 60 75 48
print 0574 60 75 48
email info@fondazionesandropitigliani.it
alternate_email fondazionesandropitigliani@messaggipec.it
send CONTATTACI
Seguici su:

Dicono di Noi - IlTirreno 20.05.18

date_range 21 Maggio 2018 access_time 17.05.31

Cna Sociale si presenta con un fondo anti-tumori 

La nuova società affiliata all’associazione artigiana ha raccolto i primi 12.000 euro in favore dei caschi contro la caduta dei capelli lanciati dalla Fondazione Pitigliani 

Articolo originale QUI

PRATO. Ben 12.000 euro raccolti da Cna Sociale per il progetto “Caschi Refrigeranti” della Fondazione Pitigliani da circa 250 ospiti presenti ieriall’evento “Una sanità senza ostacoli è possibile. I nuovi orizzonti della rete di servizi,” che si è concluso con una cena di raccolta fondi tenutasi alla Camera di Commercio in favore del nuovo polo oncologico di Prato e del progetto promosso dalla Fondazione Pitigliani. Con questo sostanzioso primo risultato, Cna Toscana Centro ha presentato così alla città e alle istituzioni Cna Sociale, la nuova associazione senza scopo di lucro creata per portare il contributo concreto di aziende, imprenditori e cittadini al servizio di progetti di welfare e promozione sociale. 

L’evento è stato coordinato dai vertici Cna: la presidente Elena Calabria, il vicepresidente Claudio Bettazzi, la presidente di Cna Sociale Paola Calandra e il direttore Cinzia Grassi e ha visto aderire alla nuova associazione oltre 250 persone tra imprenditori, soci e sostenitori. La nascita di Cna Sociale ha offerto l’occasione per fare il punto sulla situazione dei servizi ospedalieri, sanitari e socio-assistenziali con molti rappresentanti istituzionali tra i quali Stefania Saccardi (assessore regionale alla sanità), il sindaco Matteo Biffoni, Roberto Biagini (direttore staff Asl Toscana Centro), Laura Biganzoli (coordinatore centro senologia ex Usl 4); Nicola Ciolini (consigliere regionale), Giovannella Pitigliani Sini (presidente Fondazione Pitigliani), Michele Mezzacappa (direttore SdS), Luigi Biancalani (assessore alla salute). 

La presidente di Cna Elena Calabria ha precisato che «Cna Toscana Centro ha fortemente voluto dar vita a Cna Sociale, perché coniugare il fare impresa con le esigenze sempre più pressanti di servizi sul fronte sanitario e assistenziale non è un’utopia». Come sottolineato dalla presidente di Cna Sociale, Paola Calandra, «intendiamo aggiungere un nuovo strumento operativo per dar voce a tutte quelle attività, programmi e azioni di area vasta che riguardano i settori della sanità, dell’assistenza, dell’integrazione, della cultura, e che rappresentano - ciascuno nel proprio ambito - singoli ma importanti tasselli di crescita per l’evoluzione di questo territorio e per il benessere di chi ci vive». «Ne è un esempio concreto l’evento di stasera, con il quale vogliamo sostenere due grandi operazioni: la realizzazione del nuovo polo oncologico di Prato e l’innovativo progetto “Caschi Refrigeranti” promosso dalla Fondazione Pitigliani». 

Dal canto suo, l’assessore regionale Stefania Saccardi ha confermato la volontà della Regione di proseguire sul potenziamento dei servizi: dalla messa in sicurezza della struttura ospedaliera, alla creazione, a Prato, di un Polo oncologico di primo livello, dall’ampliamento dei posti letti dedicati alle cure intermedie (24 già disponibili ai quai se ne aggiungeranno altri 30) alla realizzazione di un centro di cura per l’Alzheimer, dall’utilizzo del Fondo Sociale Europeo per progetti di assistenza domiciliare innovativa al rafforzamento del presidio nel distretto

di S. Paolo alla creazione di Aiuto Point che consentono ai pazienti oncologici di bypassare i Cup e accedere a percorsi veloci per esami e cure». Il tutto, senza dimenticare l’importanza di rimuovere criticità ancora pesanti come le liste di attesa ancora troppo lunghe.